MoRe Impresa Festival

Rassegna Stampa


Costa: «Occasione per parlare ai giovani con la loro lingua»

Costa: «Occasione per parlare ai giovani con la loro lingua»

MoRe-21_Costa-HD-1200x675.png

«Sono molto curiosi ma troppo spesso frustrati dai prodotti informativi» Luppi, presidente Lapam: «Uno scambio proficuo con il mondo del lavoro»

Tra le novità del Mo Re Impresa Festival il coinvolgimento delle scuole. Sono 113 le classi iscritte da istituti superiori della provincia di Modena: Fermi, Sigonio, Calvi, Vallauri, Fanti, Spallanzani e Da Vinci, oltre all’ Einaudi di Correggio.
La maggior parte delle classi seguirà gli eventi in streaming mentre alcune del Sigonio e del Fermi saranno anche in presenza.
L’ incontro più gettonato sarà quello di domani alle 9.30 con Francesco Costa, giornalista, scrittore e autore di podcast di grande successo:

«Secondo me tutti hanno bisogno di conoscere a fondo la realtà – osserva il vice direttore del Post – per i giovani una priorità in più è costruirsi momenti da dedicare all’ informazione, mentre oggi spesso si tratta di un’ esperienza casuale. Più sei informato più diventa più facile e appassionante informarsi, ma c’ è un tema: molti prodotti informativi non parlano la lingua dei giovani, non li toccano ma farlo aiuta ad approfondire».

Costa ha un pubblico tendenzialmente under 40 («per fortuna quando presento libri il pubblico è composto in gran parte di persone tra i 20 e i 35 anni e anche sui social sono sotto i 40») e sottolinea: «Vedo una fortissima curiosità nel cercare di capire il mondo, ma anche frustrazione perchè i prodotti informativi non parlano a loro». Il giornalista conclude parlando dell’ evento Lapam:

«Quando parliamo dell’ importanza dell’ informazione non lo facciamo per cultura generale, ma per avere strumenti per prendere decisioni informate. Conoscere cosa succede sul mercato del lavoro, ad esempio, l’ innovazione, i casi di successo, è importante e questo fa la differenza anche per le imprese. Un momento come quello che vivremorappresenta un’ occasione preziosa, un po’ inusuale se vogliamo ma necessaria».

Il presidente Lapam, Gilberto Luppi, allarga il ragionamento:

«C’ è necessità di uno scambio proficuo tra giovani e mondo del lavoro che ad oggi è troppo spesso assente e non solo a causa dei continui cambiamenti della normativa sulla cosiddetta alternanza scuola/lavoro. Le scuole e i più giovani non conoscono le potenzialità delle imprese e le aziende non sono agevolate nel costruire un dialogo continuativo con le istituzioni scolastiche. Come associazione siamo molto attenti a questo mondo, e pensiamo anche alla recente convenzione siglata con Cdr e FORMart».

Tra i partner dell’ iniziativa Lapam il Comune di Modena, il sindaco Muzzarelli spiega:

«Abbiamo bisogno di accelerare sugli assi della sostenibilità e sul digitale, e sulla formazione coinvolgendo le scuole. Grazie a Lapam per l’ opportunità».

La Camera di Commercio ospita la manifestazione e la sostiene. Il segretario generale Stefano Bellei, aggiunge:

«Fare rete tra diversi soggetti è decisivo: MoRe Impresa Festival è anche un momento di formazione sia per gli studenti che per gli imprenditori».